Mutui a tasso fisso: aumentano le richieste in Italia

di Francesca Commenta

Un giorno si parla di diminuzioni di richieste di mutuo da parte degli italiani alle banche, il giorno successivo un altro studio smentisce e conferma invece di un aumento di tendenza. Di sicuro c’è che gli abitanti del Belpaese sono stanchi di sentirsi chiudere la porta dagli istituti di credito che in tempi di crisi difficilmente trovano le condizioni idonee a concedere un prestito. Ecco che in tanti, soprattutto se giovanissimi e senza un lavoro fisso o proprietà pregresse rinunciano senza nemmeno provarci. Per chi, invece, è il momento di scegliere le quattro pareti domestiche con tanto di garanzie idonee a non far ignorare la proposta di prestito in banca diventa sempre più immediato chiedere un tasso fisso che sembra essere di nuovo preferito a tutte le altre forme di restituzione del debito negli anni per la scelta di un immobile.

Resta però sicuro che più della metà delle proposte di accensione mutuo oggi vengono ignorate e comunque la percentuale di finanziamento per l’acquisto della prima casa è passato dal 56% al 44%. Allo stesso modo coloro che hanno la fortuna di ricevere l’ok dalla banca cominciano a richiedere sempre più speso il tasso fisso, certamente spaventati dai cambiamenti continui del mercato finanziario e dalla recessione pericolosamente in corso.

 

in linea di massima i mutui a tasso variabile  sono i più convenienti a breve termine, al contrario quando la situazione economica resta instabile meglio optare per il tasso fisso, una scelta pconsiderata più prudente. Mutui.it che ha portato a termine l’ultimo studio in materia ha evidenziato un aumento del 9,34% delle richieste di mutui a tasso fisso con un conseguente calo delle richieste di tasso variabile (-4,03%) e di tasso variabile con cap (-4,95%). Da considerare, poi, che in un anno più instabile del solito in tanti continuano a preferire l’affitto e a non mettersi in situazioni che potrebbero diventare rischiose se il lavoro dovesse venire a mancare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>