Fondo pensione: come pagare meno tasse

di Tony Commenta

 Uno degli aspetti più importanti della nuova normativa dei fondi pensione entrata in vigore a partire dal 2007 è legato all’ambito fiscale.

La previdenza complementare come più volte sottolineato nasce dall’esigenza di andare a colmare quello che sarà il futuro gap, tasso di sostituzione, tra l’ultimo reddito percepito, qualunque sia l’attività lavorativa svolta, ed il reddito erogato dalla previdenza pubblica una volta raggiunta appunto l’età pensionistica.

Ad oggi l’ente governativo Covip (Commissione di vigilanza sui fondi pensione) che sovrintende a tutte le varie tipologie di forme pensionistiche integrative, per esempio stima che un dipendente con 30 anni di contributi riceverà nel 2040 dalla previdenza pubblica il 48% dell’ultima sua retribuzione, un autonomo il 29% ! Questi tassi di sostituzione saranno rivisti e ritoccati verso il basso ormai con scadenze annuali, poiché lo scenario socio-economico-demografico è in costante e continua evoluzione.

Da qui la forte incentivazione in termini di sgravio fiscale per i fondi pensione: in altri termini ogni aderente a forme di previdenza complementare ha il diritto di portare in deduzione fiscale dal proprio reddito imponibile l’importo versato sul fondo qualunque esso sia fino ad un massimo di 5.164,56 €. Questa operazione potrebbe anche significare una riduzione del proprio scaglione reddituale.

Pertanto in questo modo oltre a contribuire personalmente alla propria rendita pensionistica, si può riuscire certamente a pagare meno tasse: la compagnia assicurativa che istituisce il fondo provvede ad inviare ai suoi aderenti il documento che certifica il versamento del premio annuo che deve essere utilizzato in fase di dichiarazione dei redditi per il modello unico piuttosto che per il 730.

Due ultime considerazioni.

1. Ogni fondo pensione ha più profili di investimento le cui finalità sono legate strettamente ad obiettivi di rendimento. Non è obbligatorio scegliere un profilo azionario per spuntare rendimenti più interessanti; se si è interessati più al mantenimento del capitale accantonato che alle performance o semplicemente non si gradisce l’azionario è possibile scegliere un profilo più prudente.

2. In caso di fallimento della compagnia che ha istituito il fondo cui si è aderito, essendo quest’ultimo soggetto a gestione separata, nessun creditore della compagnia stessa potrà accedere a quanto depositato su quel fondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>