Mutui: tassi all’1 per cento ma le rate aumentano?

di Francesca Commenta

Non c’è mai una notizia positiva in termini di mutui: è tempo di crisi e basta insomma. Se da un lato i tassi che sono fondamentali in merito al costo del denaro nella nostra società, in tema proprio di acquisto casa e prestiti in generale restano fermi, lo stesso non vale per le rate. La Bce ha deciso di lasciare infatti invariati i primi all’1 per cento ma, a livello più tecnico, lo spread che regola gli stessi finanziamenti è continuamente ritoccato in salita. Insomma nulla di buono per i consumatori che infatti, come ben sappiamo, il più delle volte desistono dall’acquisto di una casa e sono in forte aumento gli affitti che non permettono di possedere una dimora, ma di certo limitano noie ed ansie.

A parlare dell’argomento e a monitorare in continuazione l’andamento degli eventi, ci hanno pensato Federconsumatori e Adusbef, che hanno presentato una nota congiunta in cui si dice: “in una situazione in cui i finanziamenti diminuiscono a vista d’occhio, le banche hanno escogitato un modo per non intaccare i propri introiti, aumentando i propri margini su ogni mutuo o prestito concesso. Si tratta di una spirale di aumenti del tutto ingiustificata”.

E’ necessario l’intervento dell’Antitrust e dovrebbe essere anche immediato tanto che le associazioni si sono poste proprio in prima linea per chiederne l’intervento. Quest’ultimo dovrebbe tentare quindi di: “di verificare i comportamenti scorretti delle banche alla luce della correttezza di mercato, alla Banca d’Italia ed al Governo si chiede di intervenire immediatamente per controllare questo inaccettabile comportamento delle banche, e prendendo i necessari provvedimenti per contrastare ogni volonta’ speculativa”. Tra dati tecnici complessi e una realtà sotto gli occhi di tutti, la verità che a pagarne le conseguenze in tutti i sensi è sempre il cittadino che deve parare i colpi e tentare di arrivare alla fine del mese anche adesso in piena crisi economica.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>