Le agevolazioni di Cariparma per i mutui alle nuove famiglie

di Sofia Martini Commenta

Le offerte dell'istituto per le giovani coppie che intendono accendere un finanziamento.

Cariparma viene in soccorso delle giovani coppie italiane che desiderano creare una famiglia, accendendo di conseguenza un mutuo per acquistare una prima abitazione.

Questa categoria può godere delle garanzie messe a disposizione dall’intesa che Antitrust e Bankitalia hanno stipulato di recente. Nel contempo, le giovani coppie italiane entro la fine di quest’anno potranno approfittare delle occasioni di risparmio offerte dall’istituto Cariparma. Stiamo parlando dell’offerta “Gran Mutuo 2014”, da cogliere al volo se si è una giovane coppia. Perché? L’offerta “Gran Mutuo 2014” offre uno spread agevolato a partire da 1,95%, riducendo alla metà le spese di istruttoria e tenendo inoltre conto, tra le sue clausule, di eventi che possono cambiare in maniera approfondita il reddito del nucleo familiare appena creatosi.

Nel caso in cui la neo famiglia si trovasse momentaneamente in difficoltà, potrà richiedere alla banca di mettere in stand-by il rimborso della quota capitale per un periodo complessivo di due anni o in alternativa variare di 5 anni la durata del mutuo casa.

Questa speciale offerta potrà essere attivata per mutui che non superano una scadenza ventennale, che non superino il 50% del valore dell’immobile da acquistare e con un rapporto tra rata e reddito dei richiedenti inferiore al 25%.

L’offerta di Cariparma è destinata a persone e famiglie che, in una situazione di bassa capacità di reddito, non sono in grado di fronteggiare una spesa imprevista o comunque non strettamente connessa alla gestione ordinaria del bilancio familiare. Ora, grazie a questo accordo, questi soggetti potranno accedere a finanziamenti di piccola entità a condizioni agevolate.

Si legge in una nota:

Si va dai 1.000 euro, da restituirsi in rate mensili di minimo 6 e massimo 24 mesi, ad un credito massimo di 3.000 euro (elevabile a 4.000 in caso di famiglie con 4 o più figli), da restituirsi in rate mensili di minimo 6 e massimo di 48 mesi, per quei soggetti che si trovano in particolari situazioni adeguatamente motivate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>